Santo Stefano di Sessanio. Le pietre e la memoria.

Testo e fotografia di Vincenzo Battista.

Il cumulo di pietre nella contrada “Madonna del lago” ( m.1224 ), valle coltiva, a forma di cucchiaio, contigua al borgo di Santo Stefano di Sessanio. Il cumulo, quasi fosse un monumento al lavoro, è il risultato di un lavoro decennale, uno spietramento dei campi, per provare a renderli fertili, liberare le pietre dai terreni.  Datato circa 110 anni e non interrotto, ancora oggi, poiché gli agricoltori continuano lì ad ammassare le pietre.

Le immagini. Le case di Santo Stefano di Sessanio e la memoria: la sedia a dondolo dei figli, i panni della dote stesi ad asciugare, il volto di una donna.